Archivi categoria: Seminario Marxiano

Gli incontri del seminario si svolgono normalmente al venerdì alle 15.30 in aula “Seminari” presso il Dipartimento di Scienze
Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali, via del Santo 28, Padova.

15.10.2018 R. Laleff: Le trappole della tecnica nella sconfitta del marxismo secondo Oscar del Barco

Gruppo di ricerca sui processi di soggettivazione politica nella società contemporanea

Seminario “Scienza, politica e società in Marx-Engels e nei Marxismi”

15 ottobre 2018
ore 16:30

Aula Seminari
Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali
Via del Santo 28


Ricardo Laleff Ilieff
(CONICET – Universidad de Buenos Aires)


Le trappole della tecnica nella sconfitta del marxismo secondo Oscar del Barco

Pubblicazione. Marx: la produzione del soggetto, Derive Approdi, 2018

A cura di Fabio Raimondi, Luca Basso, Michele Basso, Stefano Visentin

sito editore

Questo testo è il primo esito di un seminario tenutosi presso l’Università di Padova al quale hanno partecipato studenti, dottorandi, ricercatori e docenti di varie università.

Il volume analizza il significato storico, teorico e politico che la nozione di soggetto assume in alcune opere di Marx dai primi agli ultimi scritti. Per quanto il lemma «soggetto» non compaia spesso nei suoi testi, esso ricopre comunque un ruolo fondamentale almeno per due ragioni. La prima, per segnalare che è impossibile separare la duplice valenza che la nozione di soggetto porta con sé: quella di ente assoggettato e quella di ente che agisce in autonomia. La seconda, per mostrare che l’idea di un soggetto pieno, dotato di libero arbitrio e in linea di principio assolutamente indipendente dalle circostanze esterne, è un’illusione e che, al contrario, il soggetto, anche quello collettivo e potenzialmente rivoluzionario, si trova sempre in una condizione di ambivalenza nei confronti della congiuntura storica, con la quale deve costantemente «fare i conti».

Linee Guida per interventi al Seminario

SEMINARIO «Scienza, politica e società in Marx-Engels e nei Marxismi »
Gruppo di ricerca su Marx-Engels e i marxismi

Le brevi indicazioni che seguono hanno lo scopo di aiutare quanti vogliano partecipare al seminario a strutturare i loro interventi in modo da interagire con il nodo principale della ricerca del gruppo. Le linee esposte non vanno intese come uno schema da seguire pedissequamente, ma come una mappa per orientarsi nella stesura della relazione; sono più dei consigli e delle istruzioni per l’uso che non la necessaria e rigida intelaiatura di ogni intervento. Invitiamo, dunque, i relatori a toccare almeno alcuni dei punti segnalati e a misurarsi con alcune delle questioni proposte a partire dall’indagine sulla scienza di Marx ed Engels. Anche l’analisi di autori o temi non marxisti o limitrofi al marxismo possono rivelarsi utili per approcciare la questione, purché venga spiegato (e non in modo generico o fugace) perché e come detti autori o temi siano importanti per comprendere cosa M&E o il marxismo intendessero per scienza.

  1. Il focus del seminario è l’indagine sul concetto di scienza così come inteso e praticato da Marx ed Engels. È necessario, dunque, provare a definire che cosa M&E intendano col termine scienza. Noi partiamo dall’ipotesi che M&E abbiano voluto e tentato di costruire una “scienza nuova”, che non era una scienza naturale né la realizzazione della Scienza hegeliana né una qualche forma embrionale di sociologia: forse è una “scienza della storia” (il cosiddetto materialismo storico e dialettico?) oppure è un altro tipo di scienza? Nel primo caso, che differenza c’è con le filosofie della storia? Nel secondo, come la si potrebbe definire, caratterizzare, concettualizzare?
  2. Riteniamo perciò importante capire quale rapporto M&E (e poi anche il marxismo) abbiano intrattenuto con le scienze del loro tempo e, nel caso dei primi due, almeno, con: a) le scienze naturali (in particolare: fisica, chimica, biologia e geologia) e le loro applicazioni tecniche; b) la Scienza hegeliana; c) la scienza giuridica (il diritto); d) la matematica; e) la Technologie quale scienza dell’organizzazione; f) le “scienze della società e dello Stato” (le scienze dell’amministrazione e la statistica, in particolare, sviluppate in Germania a inizio Ottocento); g) l’etnologia; h) l’economia (politica); i) la scienza (o filosofia?) borghese della storia. Che scarto c’è (se c’è) tra la scienza di M&E e ognuna di queste? Oppure: qual è il modo di articolazione specifico di questi (e altri) saperi all’interno del modo di produzione scientifico di M&E? In altri termini, perché la scienza di M&E è irriducibile a ognuna di quelle sopra elencate? Che rapporto c’è, infine, tra il tema della scienza e quello dell’ideologia? In che modo l’esperienza politica di M&E è stata influenzata dal loro progetto scientifico e in che misura è stata fondata su di esso? E viceversa.
  3. L’indagine sulla “scienza nuova” di M&E (e sui suoi eventuali sviluppi in ambito marxista) deve misurarsi anche con la sua (intrinseca?) politicità ossia: i) con la sua volontà (capacità?) di intervenire nel sociale per trasformarlo; ii) con le ricadute o effetti politici e/o sociali, positivi e negativi, che essa ha prodotto.
  4. Uno sguardo specifico va dato ai livelli e alle pratiche di oggettivazione (inseparabili da quelle di soggettivazione, anche in un’ottica di genere) e ai diversi significati e usi che essi assumono nelle varie scienze cui M&E guardano per costruire la propria. Come il campo del soggetto, anche quello dell’oggetto presenta una stratificazione complessa: a) l’oggetto (Gegenstand o Objekt) come ente, naturale o artificiale, che sta-di-fronte al soggetto, gli si oppone, gli resiste e lo condiziona; b) l’oggettivazione (Vergegenständlichung) ossia il processo (insieme di pratiche) di produzione/costruzione (o materializzazione) dell’oggetto; c) l’oggettività (Gegenständlichkeit o Objektivität) come sinonimo di verità scientifica (obbiettività), oppure di staticità o di reificazione, ma anche di astrazione. I tre livelli, variamente interrelati e interdipendenti, costituiscono l’unica modalità del darsi della scienza di M&E oppure essa non si esaurisce in questo processo comunque necessario? E se qualcosa non è oggettivabile, perché è ancora possibile (se davvero lo è) parlare di scienza?