Chi siamo

Luca Basso è professore associato in Filosofia politica presso il Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali dell’Università di Padova. Si è occupato e si occupa di filosofia politica moderna, con particolare riferimento a Leibniz, di Marx e marxismi, e della riflessione francese contemporanea. Tra le sue pubblicazioni: Individuo e comunità nella filosofia politica di G. W. Leibniz (Rubbettino, 2005); Socialità e isolamento: la singolarità in Marx (Carocci, 2008, trad. ingl. riv. e agg., Marx and Singularity. From the Early Writings to the “Grundrisse”, Brill 2012); Republic and Common Good in Leibniz’ Political Thought (a cura di), “Studia Leibnitiana” (1, 2011); Agire in comune. Antropologia e politica nell’ultimo Marx (ombre corte 2012, trad. ingl. riv. e agg., Marx and the Common. From “Capital” to the Late Writings, Brill 2015);  Inventare il nuovo. Storia e politica in Sartre (Ombre Corte, 2016).

Michele Basso è dottore di ricerca in filosofia politica e storia del pensiero politico. Ha studiato presso l’Università di Padova, la LMU di Monaco di Baviera e il Max-Planck-Institut für europäische Rechtsgeschichte di Francoforte sul Meno. Tra le sue pubblicazioni, la monografia Max Weber. Economia e politica fra tradizione e modernità (Eum, 2013). Attualmente insegna storia, filosofia e scienze sociali al liceo e sta lavorando alla traduzione e curatela del volume Die Sitte di Ferdinand Tönnies

Fabio Raimondi è ricercatore in Storia delle dottrine politiche presso il Dipartimento di Scienze politiche, sociali e della comunicazione dell’Università di Salerno. Si è occupato e si occupa principalmente di pensiero politico della prima età moderna, di Marx, marxismi e comunismo, di ideologie e di teoria delle migrazioni. Tra le sue pubblicazioni: Il sigillo della vicissitudine. Giordano Bruno e la liberazione della potenza (Unipress 1999); La repubblica dell’assoluta giustizia. Giordano Bruno in Inghilterra( (Ets 2003); Lavoro migrante. Esperienza e prospettiva, a c. di F. Raimondi e M. Ricciardi (DeriveApprodi 2004); Il custode del vuoto. Contingenza e ideologia nel materialismo radicale di Louis Althusser (ombre corte 2011); L’ordinamento della libertà. Machiavelli e Firenze (ombre corte 2013). In uscita: Migranti e stato. Saggio su Abdelmalek Sayad (ombre corte 2016).

Marco Rampazzo Bazzan è attualmente borsista PNPD-Capes alla Pontificia Católica Universidade do Paraná, è stato assegnista Piscopia Marie Curie presso il dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata dell’Università di Padova con una ricerca dal titolo Pensare la politica aldilà del concetto moderno di individuo. Fichte e Althusser lettori di Rousseau e Machiavelli. È presidente dell’Associazione Groupe de Recherches Matérialistes, responsabile editoriale della rivista Les Cahiers du GRM, membro dell’Internationale Fichte Gesellschaft, della Société Kantienne d’études françaises. Ha pubblicato una ventina di articoli in riviste internazionali e volumi collettanei sull’idealismo tedesco e il pensiero politico moderno e contemporaneo.

Stefano Visentin è ricercatore in Storia delle dottrine politiche presso il Dipartimento di Economia Società Politica dell’Università di Urbino “Carlo Bo”. I suoi ambiti di ricerca riguardano il pensiero politico della prima età moderna, in particolare Machiavelli, La Boétie, Spinoza e il repubblicanesimo anglo-olandese, e sul versante contemporaneo il dibattito sulla crisi della democrazia e sul populismo, il pensiero politico di Frantz Fanon e gli studi subalterni indiani. Ha pubblicato una monografia dal titolo La libertà necessaria. Teoria e pratica della democrazia in Spinoza (Pisa 2001), l’edizione italiana del De Haereticis an sint persequendi di Sebastien Castellion (Torino 1997) e diversi articoli e curatele sui suoi temi di ricerca.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *