Chi siamo

Luca Basso è professore associato in Filosofia politica presso il Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali dell’Università di Padova. Si è occupato e si occupa di filosofia politica moderna, con particolare riferimento a Leibniz, di Marx e marxismi, e della riflessione francese contemporanea. Tra le sue pubblicazioni: Individuo e comunità nella filosofia politica di G. W. Leibniz (Rubbettino, 2005); Socialità e isolamento: la singolarità in Marx (Carocci, 2008, trad. ingl. riv. e agg., Marx and Singularity. From the Early Writings to the “Grundrisse”, Brill 2012); Republic and Common Good in Leibniz’ Political Thought (a cura di), “Studia Leibnitiana” (1, 2011); Agire in comune. Antropologia e politica nell’ultimo Marx (ombre corte 2012, trad. ingl. riv. e agg., Marx and the Common. From “Capital” to the Late Writings, Brill 2015);  Inventare il nuovo. Storia e politica in Sartre (Ombre Corte, 2016).

Michele Basso è dottore di ricerca in filosofia politica e storia del pensiero politico. Ha studiato presso l’Università di Padova, la LMU di Monaco di Baviera e il Max-Planck-Institut für europäische Rechtsgeschichte di Francoforte sul Meno. Tra le sue pubblicazioni, la monografia Max Weber. Economia e politica fra tradizione e modernità (Eum, 2013). Attualmente insegna storia, filosofia e scienze sociali al liceo e sta lavorando alla traduzione e curatela del volume Die Sitte di Ferdinand Tönnies

Fabio Raimondi è ricercatore in Storia delle dottrine politiche presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università di Udine. Si è occupato e si occupa principalmente di pensiero politico della prima età moderna, di Marx, marxismi e comunismo, di ideologie e di teoria delle migrazioni. Tra le sue pubblicazioni: Il sigillo della vicissitudine. Giordano Bruno e la liberazione della potenza (Unipress 1999); La repubblica dell’assoluta giustizia. Giordano Bruno in Inghilterra (Ets 2003); Lavoro migrante. Esperienza e prospettiva, a c. di F. Raimondi e M. Ricciardi (DeriveApprodi 2004); Il custode del vuoto. Contingenza e ideologia nel materialismo radicale di Louis Althusser (ombre corte 2011); L’ordinamento della libertà. Machiavelli e Firenze (ombre corte 2013); Migranti e stato. Saggio su Abdelmalek Sayad (ombre corte 2016). In uscita: Constituting Freedom. Machiavelli and Florence (Oxford University Press 2018).

Marco Rampazzo Bazzan è attualmente professore visitante PNPD-Capes presso la Pontificia Católica Universidade do Paraná, è stato assegnista Piscopia Marie Curie presso il dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata dell’Università di Padova con una ricerca dal titolo Thinking politics beyond the modern concept of individual. Althusser and Fichte readers of Rousseau and Machiavelli. È presidente dell’Associazione Groupe de Recherches Matérialistes, responsabile editoriale della rivista Les Cahiers du GRM, membro della Internationale Fichte Gesellschaft e della Société Kantienne d’études françaises. Ha pubblicato una monografia dal titolo Il Prisma “Rousseau”. Lo sguardo di Fichte sulla politica tra Staatsrecht e Rivoluzione francese (FrancoAngeli 2017) nonché una ventina di saggi in riviste internazionali e volumi collettanei sull’idealismo tedesco e il pensiero politico moderno e contemporaneo.

Stefano Visentin è ricercatore in Storia delle dottrine politiche presso il Dipartimento di Economia Società Politica dell’Università di Urbino “Carlo Bo”. I suoi ambiti di ricerca riguardano il pensiero politico della prima età moderna, in particolare Machiavelli, La Boétie, Spinoza e il repubblicanesimo anglo-olandese, e sul versante contemporaneo il dibattito sulla crisi della democrazia e sul populismo, il pensiero politico di Frantz Fanon e gli studi subalterni indiani. Ha pubblicato una monografia dal titolo La libertà necessaria. Teoria e pratica della democrazia in Spinoza (Pisa 2001), l’edizione italiana del De Haereticis an sint persequendi di Sebastien Castellion (Torino 1997) e diversi articoli e curatele sui suoi temi di ricerca.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *