Snug?

«È come il leone che nel Sogno di una notte d’estate grida: “Io sono un leone e non sono un leone, io sono Snug“»
(K. Marx, Kritik des Hegelschen Staatsrechts, 1843).

Nel Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare un gruppo di attori non professionisti deve mettere in scena la commedia di Piramo e Tisbe. il copione prevede, a un certo punto, la comparsa di un leone che però, per non spaventare le signore presenti, non può essere un vero leone. L’attore che lo impersonifica dunque dovrà far intendere chiaramente che «il leone non è leone» e per farlo «bisognerà anche dire il nome dell’attore che fa da leone e sarà bene che almeno metà della faccia gli si intravveda attraverso la criniera; e l’attore dovrà dire press’a poco così: “Mie dame […] vi supplicherei di non aver paura e di non tremare […], perché la mia vita, qui, ci sta a garanzia della vostra. Se credete che io sono venuto qui da vero leone […] no, non sono niente di simile. Io sono un uomo come tutti gli altri”… e a questo punto dica addirittura il proprio nome e li informi in modo chiaro che egli è Snug, lo stipettaio» (Atto III, Scena I).
Questo scambio di battute è riassunto da Marx nella citazione riportata, nel momento in cui osserva che il principe hegeliano «dovrebbe essere, nel potere legislativo, il termine medio fra il potere governativo e l’elemento degli stati» ma non può esserlo, perché «il potere governativo è termine medio fra il principe e la società per stati, e questa termine medio fra il principe e la società civile. Come farebbe il principe a mediare ciò di cui egli abbisogna come di suo medio, per non essere un estremo unilaterale? Qui si affaccia tutto l’assurdo di questi estremi che, alternativamente, ora giocano il ruolo dell’estremo e ora del medio. Sono teste di Giano, che ora si mostrano davanti e ora di dietro e davanti hanno un carattere diverso che di dietro». Seguono gli esempi di tre situazioni, l’ultima delle quali contiene il riferimento shakespeariano.

Snug è la contemporaneità degli opposti senza coincidenza e senza superamento dialettico. Snug è lo smascheramento della realtà del potere e la denuncia dell’ipocrisia della mediazione. Snug è la verità della messa in scena.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *